Storia della Casa della Rosa

ingresso

Casa della Rosa

Perchè questo nome per questa abitazione?
Per due ragioni:

Perchè abbiamo una bellissima pianta di rose, ma soprattutto perchè…
…era usanza, e in qualche luogo lo è ancora, individuare le case dei borghi non con il nome della via, ma con un riferimento a persone o cose. Sovente si diceva “Casa del Francese”, “Il Mulinino”, “Casa del Matto” e anche
“Casa della Rosa”.

Abbiamo infatti acquistato questa abitazione dalla signora Rosa della cui vita vogliamo brevemente parlarvi.
La signora Rosa era una delle tante signore del paese. Semplice, saggia e soprattutto di grande generosità e dedita all’ impegno sociale.

Era già madre di due figlie dell’età di 7 e 4 anni quando una sua sorella morì dando alla luce una bimba. La Rosa prese con sè questa nipote di quattro giorni allevandola con amore assieme alle due figlie per quattro anni, fino a quando il padre potè finalmente prendersene cura di persona.

Qualche anno dopo una donna della valle morì anch’essa di parto, lasciando orfano il suo bimbo appena nato. Venuta a conoscenza di questa tragedia Rosa, anche se non aveva nessuna grado di parentela con la morta e senza nemmeno averla conosciuta in vita, prese con sè il bimbo di pochi giorni e lo allevò e lo curò, pur con grande difficoltà perchè il piccolo necessitava di particolare aiuto.

Lo ha quindi accudito costantemente per sei anni e saltuariamente fino all’età adulta.
Durante tutta la sua vita, inoltre, la Rosa ha seguito molti anziani e malati, aiutandoli spesso a trovare le forme più appropriate di assistenza per i loro singoli casi.
A ricordo della signora Rosa e della sua straordinaria esistenza, dedicata sempre al bene del prossimo, desideriamo che questa abitazione mantenga il suo nome originale:
“Casa della Rosa”

1 commento

  1. giovanna

    Bella storia di una signora “bella”

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *